Sabato 19 Ago 2017

La Crescia

Il nome di crescia indica alcuni tipi di focaccia diffusi in Marche ed Umbria, tutti imparentati alla celebre piadina romagnola con cui è probabile un'ascendenza comune nel pane in uso presso l'esercito bizantino, di stanza per secoli in Romagna, nel nord delle Marche e nella valle umbra attraversata dalla via Flaminia. Infatti nella provincia di Macerata e nella zona di Gubbio la crescia si prepara con la pasta del pane. Rotonda, con l'orlo spezzettato e con fossette sulla superficie (che hanno la funzione di trattenere meglio l'olio), si condisce con olio, sale, cipolla o rosmarino. Alcune varianti storiche prevedono l'uso nell'impasto di strutto e ciccioli di maiale (detti anche grasselli), e la sostituzione della farina di grano con quella di granoturco.