Mercoledì 29 Mar 2017
Cingoli

cingoli panoramaImmersa in una delle zone floristicamente più belle, ricche e rare del paesaggio mediterraneo, Cingoli (m. s.l.m. 631) sorge in posizione panoramica sul lato orientale del versante adriatico del gruppo montuoso, comunemente indicato come Preappennino, che si staglia sull'alta valle del Musone e alle cui spalle si erge la Dorsale Appenninica vera e propria. L'eminenza topografica di Cingoli - cui un antico mito di fondazione collega a un ancestrale culto solare legato ai nomi di Picus e della maga Circe - considerata in relazione alla superba veduta panoramica a cui questa da adito, ha con il tempo permesso alla città di guadagnarsi l'appellativo di "Balcone delle Marche". Una "Posizione incantevole" dalla quale si ha accesso a "Panorami sconfinati" per parafrasare ciò che il pittore Donatello Stefanucci aggiunse a commento di una sua celebre veduta di Cingoli (conservata nella Pinacoteca comunale). L'omogeneità del tessuto urbano corrisponde a una forte coesione ambientale: l'abitato, la cui salubrità climatica è proverbiale ormai da cinque secoli, si inserisce armonicamente in un paesaggio dove l'opera dell'uomo e quella della natura si sono perfettamente integrate valorizzandosi a vicenda. Esempio di grande fascino dell'atmosfera tipica di altri medi e piccoli centri della zona dell'antica provincia Picena, Cingoli se ne discosta al tempo stesso per la nobiltà, la complessa profondità e la gloria di un passato che ancor oggi è percepibile nelle ombre lunghe che alla sera gli antichi eleganti palazzi proiettano sulle piazze e sulle vie.

Chiesa di San Girolamo

Fatta erigere dal cingolano Esuperanzio Lambertacci, vescovo di Cervia, nel 1336, fu poi restaurata nel 1668 per volere del nobile Benedetto Mazzini, protonotario apostolico. L'attuale facciata risale al 1902 e fu rifatta in stile tardo romanico grazie all'interessamento del marchese Filippo Castiglioni. Della struttura originaria resta la formella in pietra posta nella facciata sopra il portale.

Leggi tutto: Chiesa di San Girolamo

Chiesa di San Giacomo

Attestata in documenti del primo XIII secolo come "San Giacomo di Colle Luce", tale struttura, che originariamente fu insediamento di una libera associazione di vita comune femminile, passò sotto le dipendenze del monastero benedettino di Santa Caterina nel 1393-94. Nel 1446 passò quindi ai Minori Francescani, che vi vivranno ininterrottamente fino alla soppressione napoleonica. A tutt'oggi la chiesa e l'annesso monastero sono noti come: "degli zoccolanti", celebre epiteto dei Minori Francescani. La chiesa interamente ricostruita nel secolo XVIII conserva la meravigliosa cappella rinascimentale, costruita nel 1505, della nobile famiglia Franceschini.

Leggi tutto: Chiesa di San Giacomo

Chiesa di Sant'Esuperanzio

Il più importante monumento religioso di Cingoli; già dipendenza dei monaci di Fonte Avellana all'indomani dell'avvento dell'anno mille (papa Innocenzo III confermerà tale proprietà nel 1139), dalla seconda metà del secolo XIII assurse al ruolo preminente fra tutte le chiese del territorio quando il suo santo titolare venne proposto quale vescovo della città e quindi eletto patrono. A tale medesimo secolo va riferita la costruzione dell'attuale chiesa, in stile romanico-gotico; notevole e di complessa simbologia il portale, eseguito da maestro Giacomo e terminato nel 1295 (come recita l'iscrizione in caratteri gotici).

Leggi tutto: Chiesa di Sant'Esuperanzio

Chiesa di Santa Sperandia

Eretta sulle vestigia dell'antico tempio cristiano longobardo dedicato a S.Michele, questa chiesa, più volte ricostruita a partire dal secolo XIII, conserva il corpo dell'omonima santa, monaca benedettina morta a Cingoli nel 1276, compatrona, con sant'Esuperanzio e san Bonfilio, della città.

Leggi tutto: Chiesa di Santa Sperandia

Portella (già Porta dei Mercanti)

Uno degli accessi al più antico nucleo della città, aperta nel percorso delle mura durante il periodo rinascimentale per favorire la produzione e il commercio cittadini dei tessuti. Magnifico l'affaccio verso la macchia di Tassinete.

Leggi tutto: Portella (già Porta dei Mercanti)


Calcola il Percorso di Marca

Seleziona l'inizio del percorso:
Seleziona la fine del percorso:
Tipologia:
Waypoints: (Ctrl-Click for multiple selection)